closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Moufida Tlatli, voci di donne per raccontare la Tunisia

Cinema. Addio alla regista tunisina, anche montatrice dei film che hanno inventato la nuova onda araba. L’esordio con «Les silences du palais», ministra della cultura nel 2011

Quando apparve sulla scena cinematografica internazionale Les silences du palais (1994) fu una folgorazione. Un film che metteva al centro una giovane donna, realizzato da una regista tunisina con l’indipendenza mentale e la libertà da dogmi, o pregiudizi dimostrativi, creando invece un racconto di forma cinematografica raffinata che nella figura della protagonista, Alia, cantante che afferma la propria indipendenza nella sua voce potente, e tra le memoria della sua infanzia parlava del patriarcato e della sua violenza come sopraffazione anche di classe, di una società fondata sui privilegi tra i sussurri dei palazzi e il silenzio di chi, come le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.