closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Mottarone, «ferita per il Paese». Ieri il primo sopralluogo

Stresa. Informativa del ministro Giovannini, che insiste sulla necessità dei controlli. La procura: per gli indagati c’era «pericolo di fuga»

La cabina precipitata

La cabina precipitata

Niente sarà più come prima al Mottarone, vetta incastonata in un magnifico paesaggio tra i due bacini alpini dell’Orta e del Maggiore. La voglia di accelerare l’ascesa da Stresa al monte risale alla fine dell’Ottocento, ma solo nel 1911 venne inaugurata la ferrovia a cremagliera. Nel 1963, a causa della mancanza di investimenti per il mantenimento dei livelli di sicurezza, il servizio venne sospeso e temporaneamente sostituito da un’autolinea gestita dalla Società autoservizi Nerini, di proprietà del nonno di uno dei tre accusati della tragedia della funivia, Luigi Nerini, in carcere a Verbania. LA SUA FAMIGLIA GESTISCE dal primo agosto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi