closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Motta, la solitudine rock arriva alla fine dei vent’anni

Intervista. Debutto solista per l'artista toscano dopo i due album con i Criminal Jokers e le collaborazioni con Nada e Zen Circus. La produzione è affidata a Riccardo Sinigallia

Motta

Motta

Siamo dalle parti della canzone d’autore, ma i suoni sono gioiosamente pop pur non negando all’impatto alle asperità del rock. Possibile? Possibile se dietro i brani si nasconde il nome di Motta, livornese di nascita e un passato decisamente rock con due album registrati insieme ai pisani Criminal Jokers. E poi una serie di esperienze come turnista collaborando con Pan del Diavolo, Zen Circus, Giovanni Truppi e, soprattutto, Nada. «È una donna – spiega- con un’esperienza incredibile ma è quello che c’è dietro le quinte a colpire. La collaborazione continua con il compagno Gerry Menzoli che è produttore artistico, lavorare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.