closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Motown, la storia si fa musical

Palcoscenico. Un musical con un cast di 50 artisti, ripercorre le vicende dell’etichetta discografica indipendente di Detroit. La prima grande azienda nera ideata e realizzata nel 1958 dal genio del «piccolo» Berry Gordy

Una scena di Motown, the Musical

Una scena di Motown, the Musical

Un logo luminoso campeggia sul palcoscenico. Tre strisce dorate e intrecciate a formare una corposa lettera M, il simbolo della Motown Records, una casa discografica indipendente, la contrazione slang di Motor Town, il soprannome di Detroit. La prima grande azienda nera, ideata e realizzata nel 1958 da un vivace piccoletto afroamericano col bernoccolo degli affari, Berry Gordy, un ex pugile poi operaio della fabbrica d’automobili Lincoln che scriveva brani melodici nel tempo libero e divenne miliardario in pochi anni, lanciando e scoprendo una quantità di giovani talenti. La sua prima canzone s’intitolava To be loved (portata al successo da Jackie...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi