closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mosul quasi libera, ma sotto le macerie tanti civili

Iraq. L'Iran dice di avere le prove della morte di al-Baghdadi e il premier iracheno al-Abadi dà Daesh per finito. Ma in città si combatte ancora

Distruzione a Mosul

Distruzione a Mosul

«Diversi canali» confermano la morte di Abu Bakr al-Baghdadi: nel giorno in cui l’esercito iracheno ha ripreso la Grande Moschea al-Nuri di Mosul (o meglio, le sue macerie), l’Iran ha affermato di avere le prove dell’uccisione del leader dell’Isis in un raid russo della fine di maggio, vicino la città siriana di Raqqa. Interviene anche il presidente iraniano Rouhani che ieri si è congratulato con il premier iracheno al-Abadi per la liberazione della città. Che Mosul stia per cadere è innegabile, ma gli scontri sono ancora in corso: i 3-400 islamisti arroccati in Città Vecchia resistono con brutalità all’avanzata graduale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.