closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'inchiesta

Mose, il mostro della Laguna

Venezia. Crolla la facciata del Veneto. Fondi neri, finanziamenti occulti, concussioni e complicità, la grande opera di Venezia, la più costosa del Paese, è marcia. Trentacinque gli arresti: ai domiciliari il sindaco Orsoni (Pd), accusato di finanziamenti illeciti; chiesto l’arresto per l'ex governatore, e deputato di FI, Galan

Il Mose di Venezia

Il Mose di Venezia

Come (e peggio) di vent’anni fa: un «sistema» parallelo alla gestione del Mose, la Grande Opera per eccellenza. Trentacinque gli arresti e un altro centinaio di indagati disposti ieri nell’elenco firmato dai pm Stefano Ancilotto, Paola Tonini e Stefano Buccini. Tra i nomi «eccellenti» spiccano quello del deputato di Forza Italia Giancarlo Galan - ex governatore e ministro, attuale presidente della Commissione Cultura della Camera per cui servirà l’autorizzazione - e del sindaco di Venezia Giorgio Orsoni (Pd) ristretto ai domiciliari. Ma insieme ai politici è collassata l’architettura delle complicità: manager, funzionari pubblici, professionisti, consulenti, finanzieri, vecchi marpioni e nuovi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.