closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mosca: «Un attacco con le prove, come Bush nel 2003 in Iraq»

Russia. Prima dura reazione: interrotta la linea diretta con il Pentagono e quella in Siria sullo scambio di comunicazione sui voli militari

Siria, base russa di Khmeimim presso Latakia

Siria, base russa di Khmeimim presso Latakia

Non si sono certo fatte attendere le reazioni dell’amministrazione russa al bombardamento americano sulla Siria. In un briefing con la la stampa a poche ore dall’azione militare americana, il portavoce ufficiale di Putin, Dmitry Peskov, ha dichiarato che «La Russia considera gli attacchi degli Stati Uniti contro la Siria come un atto di aggressione contro uno Stato sovrano e una violazione del diritto internazionale», affermando che l’attacco contro una base aerea siriana «rappresenta un colpo alla causa della lotta contro il terrorismo». Tuttavia Peskov è rimasto volutamente nel vago sulle ricadute che potrà avere l’azione di Trump: «Per quanto riguarda...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi