closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Morti civili per i droni. Per Obama «Una inevitabile conseguenza»

Stati uniti. Secondo alcune ong il numero sarebbe sottostimato: in realtà ammonterebbe ad almeno 358 morti

«Una inevitabile conseguenza», «vittime collaterali»: così il presidente degli Stati uniti, Barack Obama, ha definito le vittime dei raid americani effettuati con i droni, il cui numero stimato dalla Casa bianca ammonta tra i 64 ed i 116 morti civili. Quella di venerdì è stata la prima valutazione riguardante la «guerra pulita», divulgata dall’amministrazione Obama in risposta alla crescente pressione per ulteriori informazioni sulle operazioni degli Stati uniti all’estero. Stando alla relazione che James Clapper, direttore della National Intelligence, ha pubblicato, gli Stati uniti tra il gennaio 2009 e il dicembre 2015, hanno condotto 473 attacchi contro il terrorismo, compresi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.