closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Morte a Qalandiya

Cisgiordania Occupata. Tre giovani palestinesi uccisi in scontri seguiti a un raid israeliano nel campo profughi alle porte di Gerusalemme. Lutto nei Territori occupati. L'Anp di Abu Mazen sospende i negoziati con Israele

Dolore ai funerali di uno dei giovani palestinesi uccisi dai soldati israeliani

Dolore ai funerali di uno dei giovani palestinesi uccisi dai soldati israeliani

Qalandiya è un labirinto di stradine e passaggi stretti tra case costruite una sopra l’altra, come in tutti i campi profughi palestinesi. All’esterno corre lo stradone che dal posto di blocco israeliano porta fino a Ramallah. Negli ultimi due anni sono spuntati come i funghi i negozi lungo questa strada terribilmente trafficata, illuminati da neon colorati che danno a questa zona di povertà e degrado una parvenza di normalità. C’è chi vende smartphone accanto al gommista capace di ripararti il pneumatico più malandato. Ma Qalandiya non sarà mai “normale”, fino a quando ci sarà l’occupazione israeliana. Ieri migliaia di persone...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi