closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Morohoshi, il mito oscuro

Fumetti. Per la prima volta tradotto in Italia l'esordio dell'artista giapponese

Morohoshi, tavola da «Yokai Hunter»

Morohoshi, tavola da «Yokai Hunter»

Una degli aspetti più positivi della popolarità e della diffusione che i manga hanno esponenzialmente ricevuto negli ultimi tre decenni, e non si tratta di un fenomeno legato solo alla nostra penisola, è senza dubbio il fatto che ora viene tradotta e resa disponibile al pubblico una quantità sempre più varia ed eterogenea di fumetti provenienti dal Sol Levante. Un po’ quello che sta succedendo per la letteratura prodotta nell’arcipelago giapponese, il parallelo ha naturalmente moltissime differenze, dove non sono più solo i nomi più grossi a venir pubblicati, anche se sono quelli che sicuramente vendono, ma la produzione letteraria...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi