closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Montesilvano non sarà mai razzista

Il caso. Il cartello all’entrata del paese è chiaro: la discriminazione non ha cittadinanza. Ma l’ultima idea del sindaco Attilio Di Mattia va oltre una lotta simbolica

Benvenuti a Montesilvano, comune derazzistizzato. Entri o esci dalla città e il segnale deve essere chiaro: qui la discriminazione, l’odio e il terrore per il diverso non hanno cittadinanza. Nel paese in cui la clandestinità è un reato e in cui tirano le banane a un ministro dalla pelle nera, nella regione in cui Alba Dorata si è affacciata per la sua prima italiana – annunciata da squilli di tromba, finita malamente alle urne –, nella città in cui una persona su dieci ha il passaporto straniero, un sindaco chiamato Attilio Di Mattia lancia il suo sasso nello stagno e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.