closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Monoclonali, la prudenza di Magrini: «Sbagliato generare aspettative irrealistiche»

Intervista. Dopo lo scontro sugli anticorpi monoclonali, parla il dg dell’Agenzia italiana del farmaco: «Ci sono studi di piccole dimensioni, pubblicati di recente e studi ancora in corso che mostrano stime incoraggianti nei pazienti in fase precoce di malattia ma basate su pochi dati»

I laboratori di Latina dove vengono prodotti gli anticorpi monoclonali di Eli Lilly; in basso Nicola Magrini

I laboratori di Latina dove vengono prodotti gli anticorpi monoclonali di Eli Lilly; in basso Nicola Magrini

Il dibattito intorno agli anticorpi monoclonali ha creato divisioni tra comunità scientifica, classe politica e opinione pubblica che non sarà facile recuperare. Ha rischiato di farne le spese l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), che nella pandemia ha avuto un ruolo scomodo: da un lato favorire l’accesso alle cure, dall’altro vigilare affinché l’emergenza non fosse il pretesto per introdurre farmaci poco sicuri o inefficaci. A guidare l’agenzia in questo frangente è stato Nicola Magrini. Prima di dirigere l’Aifa era il responsabile del dipartimento di farmaci essenziali all’Oms. Tra le sue competenze, verificare che l’uso di un farmaco risponda solo alle evidenze...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi