closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Monoclonali, gli Usa ne dismettono l’uso

Gli anticorpi prodotti in laboratorio. Sembravano la cura contro il Covid-19, ma sono risultati inefficaci contro le varianti. Un piccolo gruppo di esperti aveva sconsigliato al governo di autorizzarne l’uso in Italia. Ma le pressioni dei social avevano avuto la meglio. Ora è probabile che anche da noi si decida per la sospensione

La Bsp Pharmaceuticals di Latina che produce anticorpi monoclonali della Eli Lilly

La Bsp Pharmaceuticals di Latina che produce anticorpi monoclonali della Eli Lilly

Solo pochi mesi fa, le cure a base di anticorpi monoclonali sembravano l’arma finale contro il Covid-19, in grado di trasformare un virus subdolo e incontrollabile in una malattia curabile. Le varianti stanno mettendo in crisi queste terapie. Negli Usa, lo Health and Human Service Departments - il ministero della sanità locale - ha fermato la distribuzione degli anticorpi monoclonali anti-Covid19 bamlanivimab e etesevimab, sviluppati dalla casa farmaceutica Eli Lilly, perché inefficaci contro le varianti del coronavirus. È probabile che ora anche l’Italia decida per la sospensione, solo pochi mesi dopo averne autorizzato l’uso tra mille polemiche. La distribuzione delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.