closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mondiali 2026, Trump a gamba tesa sul Marocco

Geopolitica e calcio. A due mesi dall’assegnazione della Coppa del Mondo, la candidatura degli Stati uniti scricchiola

Sul personalissimo cartellino di Donald Trump si moltiplica il numero degli haters, soprattutto nello sport americano. E ora tocca al calcio, al soccer, dopo mesi di guerriglie verbali via Twitter con stelle del basket (Lebron James, Cleveland Cavaliers, Nba, gli ha dato del buffone) e del football, tra tutti Colin Kaepernick, l’atleta afro che ha boicottato per primo l’inno nazionale statunitense dopo la stagione di violenza della polizia sui neri nel 2016, attirandosi le ripetute e volgari offese social di «The Donald». A due mesi dall’assegnazione della Coppa del Mondo 2026, gli Stati uniti rischiano seriamente di veder compromessa la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi