closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Molto più d’una colleganza, condividiamo una fede

#ilmanifesto50. Imparai che professionalità non era una parolaccia

Gad Lerner

Gad Lerner

Me lo ricordo benissimo il primo numero del manifesto quotidiano, e il mio stupore di militante sedicenne accorso in edicola per comprare il giornale comunista nato a sinistra del Pci. Abituati com’eravamo agli slogan urlati dei nostri volantini e dei nostri dazebao (per chi non lo sapesse: si usava il nome cinese per i manifesti murali scritti col pennarello), confesso che rimasi spiazzato da quei titoli che si prolungavano su più righe, niente affatto cubitali, sintatticamente corretti, notizie e interpretazioni assieme. Insomma, ci costringevano allo sforzo del ragionamento, a non accontentarci della propaganda. E la stessa impaginazione grafica, composta ed...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi