closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Möise et Pharaon, grandeur sulle sponde del Mar Rosso

Lirica. I quattro atti presentati a Parigi nel 1827 apriranno il Rossini Opera Festival di Pesaro

Le due produzioni maggiori del Rossini Opera Festival, ascrivibili al genere dell’opera seria, eseguite dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, sono imponenti, come si confà allo spazio scenico della Vitrifrigo Arena in cui sono allestite. Si comincia con Moïse et Pharaon (1827), che Rossini compone appena due anni prima del suo congedo definitivo dal teatro lirico, terza sua opera parigina di grande successo, con la quale, dice la stampa, salva l’Opéra dal declino italianizzandone le esecuzioni canore. Come nelle successive Le Comte Ory e Guillaume Tell, in Moïse il compositore si diverte a rifare se stesso superandosi e, in questo scorcio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.