closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mohammed bruciato vivo dai rapitori

Israele/Territori Occupati. Lo rivelano i risultati dell'autopsia effettuata all'Istituto di Abu Kabir. Due giorni fa, sempre a Gerusalemme, pestato dalla polizia il cugino Tareq

Tareq Abu Khdeir, pestato dalla polizia

Tareq Abu Khdeir, pestato dalla polizia

Promette l’uso del pugno di ferro contro “chi si fa giustizia da solo” Yitzhak Aharonovitch, ministro israeliano per la pubblica sicurezza. Si riferisce ai palestinesi israeliani di Kalanswa, Taibe, Tira, Baqa al Gharbiye, nella bassa Galilea, che venerdì notte hanno protestato con violenza per l’assassinio a Gerusalemme del 16enne Mohammed Abu Khdeir, bloccando incroci stradali e attaccando gli automobisti ebrei israeliani. Un tono che il ministro non usa quando parla degli assassini di Abu Khdeir o in riferimento agli agenti di polizia che, sempre a Gerusalemme, due giorni fa hanno ferito gravemente a calci e pugni un altro adolescente palestinese,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi