closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Moby Prince, centoquaranta rose rosse

L'anniversario. Livorno si mobilita nel giorno della tragedia e con tante iniziative chiede finalmente verità e giustizia

Orologi, reperti della Moby Prince

Orologi, reperti della Moby Prince

Quella notte non c’era nebbia. La mattina dell’11 aprile 1991 mio padre smontando dal turno in raffineria ci raccontò cos’era accaduto a poche miglia dal porto di Livorno. Ci disse che dopo essere stato avvisato della collisione tra il Moby Prince e la petroliera Agip Abruzzo, avvenuta pochi minuti dopo la partenza del traghetto, era salito più volte nel punto più alto dell’impianto, a 40 metri, ogni volta con la speranza di non scorgere più i bagliori dell’incendio, che però sarebbe stato spento solo alle prime luci dell’alba. Un solo superstite dei 141 a bordo, in una mattina di primavera...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi