closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Missione compiuta, basta compromessi

#ilmanifestodibordo. Dalle Ong del Mediterraneo continua ad arrivare una lezione etica e politica che insegna come non sia mai il momento sbagliato per fare la cosa giusta. Il soccorso in mare continuerà a essere terreno di scontro

Uno dei soccorsi della Sea-Watch 3

Uno dei soccorsi della Sea-Watch 3

Quando l’ultimo ragazzino in viaggio senza genitori mette piede a terra la sedicesima missione della Sea-Watch 3 può dirsi compiuta. Le persone soccorse faranno la quarantena tra la nave Rhapsody e le strutture di accoglienza. L’equipaggio rimarrà 14 giorni in isolamento a bordo. Tra il 26 e il 28 febbraio ha soccorso direttamente 363 persone, di cui oltre un terzo minori, e ne ha messe in sicurezza altre 90 fino all’arrivo della Guardia costiera italiana. Nessuno può dire cosa sarebbe accaduto a tutti loro senza la nave umanitaria, quanti sarebbero annegati o morti di stenti su gommoni e barche di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi