closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Missile israeliano fa strage un anno dopo

Gaza. Ieri a Rafah quattro palestinesi sono stati uccisi da un missile rimasto per circa un anno tra le macerie di una casa. La stessa terribile sorte che toccò il 13 agosto 2013 al reporter italiano Simone Camilli. In Cisgiordania tre soldati investiti e feriti da un palestinese. Per il premier Netanyahu è stato un attentato

Gaza

Gaza

Rabie Abu Nqira era sconvolto ieri sera mentre raccontava ad amici e giornalisti la strage di alcuni dei suoi parenti a Shaboura, alla periferia di Rafah. «Stavamo rimuovendo le macerie della casa di nostro cugino Ayman (bombardata un anno fa, ndr). Quando la ruspa ha cominciato a caricare le rovine c'è stata una esplosione fortissima. Un polverone enorme ha avvolto tutta la zona, la gente è scappata in preda al panico». Dal quel polverone non sono riemersi Baker Abu Nqira, Abdel Rahman Abu Nqira, Ahmad Abu Nqira e Hassan Abu Eyadah. Il padrone di casa, Ayman Abu Nqira (un militante...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.