closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mio figlio sarà il Messi cinese? No.

La lunga marcia del movimento calcistico. La storia di una scuola calcio italiana a Pechino tra la diffidenza delle famiglie, la voglia di competizione e la necessità di creare una «cultura del calcio». Il processo di mutazione del calcio professionistico ha finalmente preso il percorso giusto

Mio figlio diventerà Messi di Cina? No. Quando ho scelto di lasciare l’Italia per trasferirmi a Pechino mi ero appena laureato. Giunto in Cina ho provato a immaginare come sarebbe potuto essere il mio futuro da expat in una terra lontana e sconosciuta, diversa per storia, cultura e tradizioni. Ho pensato a tutto, ma mai mi sarei immaginato di ritrovarmi da lì a poco immerso nel mondo del caclio cinese. E dire che alcuni eventi furono delle vere e proprie avvisaglie. «SONO UN FAN DI ZEMAN» Firmai il mio primo contratto di affitto di un appartamento a Pechino Nel 2004....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi