closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Ministro Speranza, sulla cannabis faccia qualcosa di sinistra

Fuoriluogo. Il governo italiano s’è distinto per il silenzio di fronte a queste importanti modifiche di orientamento. Le scaramucce interne alla maggioranza di governo hanno evitato prese di posizione sullo storico voto delle Nazioni unite che ha riconosciuto il valore terapeutico della cannabis

Cannabis.

Cannabis.

Nessuno dubita che il Ministro Speranza sia molto impegnato in questi mesi, ma se quanto accaduto in primavera col coronavirus era una prima volta per tutti, quel che stiamo vivendo con la “seconda ondata” non può esser considerato come un’emergenza che mette tutto in secondo piano. Proprio come i suoi predecessori, tutti sollecitati dalla Società Civile italiana per anni in merito alle scelte politiche sulle “droghe”, anche Roberto Speranza ha ritenuto di non dover rispondere a chi si è mobilitato affinché non si facessero passi indietro, almeno sulla cannabis terapeutica. La quotidiana colluttazione governativa, degna del miglior Tyson - oggi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi