closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Minari», cronaca del sogno americano

Cinema. Una famiglia coreana emigrata negli States tra illusioni, battaglie, memorie di infanzia. Oscar per la migliore attrice non protagonista a Yu Jung-Youn, il film di Lee Isaac Chung, in sala per le riaperture, si ispira alla storia personale del regista

Una scena da «Minari» di Lee Isaac Chung

Una scena da «Minari» di Lee Isaac Chung

Minari è il nome con cui la nonna arrivata dalla Corea in uno sperduto suburbio rurale dell’America chiama l'erba che accompagnata dallo scettico - e anche un po' ostile - nipotino pianta vicino a un fiumiciattolo non proprio limpido. «Minari, Minari is wonderful» canta mescolando qualche parola della lingua a lei sconosciuta che si parla nel Paese scelto dalla figlia per vivere e crescere i suoi figli. «Minari è meravigliosa» perché è la pianta che si adatta ovunque, che tutti, ricchi e poveri, possono raccogliere, che fa bene a ogni malanno, cura, protegge, fortifica; che si usa nella zuppa e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi