closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Mina grillina sul Mes. Una settimana per mediare

Cronache di governo. A rischio il voto del 9. Il Pd spera nell’astensione di Forza Italia, ma non arriverà

Giuseppe Conte.

Giuseppe Conte.

La notizia non è che ci siano dissidenti pentastellati a cui l’ok di Vito Crimi alla riforma del Mes è andato di traverso. La notizia è che sono tanti, una cinquantina di deputati e 16 senatori. Determinati a bocciare la riforma, almeno sulla carta della lettera che inviano a Crimi, al capodelegazione Bonafede, ai capigruppo e, per conoscenza, a Di Maio e ai sottosegretari Fraccaro e Agea. Toni cerimoniosi, in apparenza concilianti: «Non vogliamo in nessun modo mettere a rischio la maggioranza». Sostanza ferrigna. I dissidenti chiedono che la riforma sia subordinata, come aveva indicato il parlamento, alla «logica di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi