closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Min Aung Hlaing si proclama premier e porta lo stato di emergenza al 2023

Myanmar. Allarme Covid anche a causa degli sfollati interni: oltre quota 200mila

Proteste antigolpiste a Yangon

Proteste antigolpiste a Yangon

Il generale golpista Min Aung Hlaing che sei mesi fa ha ripreso il potere in Myanmar suscitando un’ondata di proteste senza precedenti, è ora il premier di un «governo di transizione». Domenica, durante uno dei suoi interventi alla televisione, il generale ha spiegato che ai 12 mesi di stato di emergenza già decisi il 1 febbraio, quando Tatmadaw (l’esercito birmano) mise in atto il golpe, possono esserne aggiunti altri 12, sino all’agosto 2023. Il neo premier di un governo isolato internamente e sul piano internazionale ha anche reiterato la promessa di tenere elezioni nell’arco di quello stesso anno, senza fare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.