closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Mimì, Iris, Keyla, Yoselín: 41 bambine bruciano ancora

Guatemala. A un anno dal rogo nel centro-prigione per adolescenti resta l’omertà di un intero Stato. I minori rinchiusi nel «Hogar Seguro» soggetti a violenze sessuali, tratta e prostituzione. Nel mezzo della zona più esclusiva della capitale

Il volto di una delle ragazze vittime del rogo

Il volto di una delle ragazze vittime del rogo

L’8 marzo 2017, a seguito di una protesta per denunciare gli abusi e le violenze subite, 56 ragazze adolescenti venivano rinchiuse e lasciate bruciare vive nel rogo dell’Hogar Seguro a Città del Guatemala. A UN ANNO DI DISTANZA, restano le controversie. Come divampò l’incendio? Quando cominciarono a dar fuoco ai materassi. Come successe? Appoggiarono i materassi di fronte alle finestre sbarrate e accesero il fuoco. Chi accese il fuoco? Mimì. Conoscevamo solo il suo soprannome. Che cosa successe dopo? Cominciammo a colpire la porta affinché ci aprissero. Non lo fecero. Quanto tempo rimaneste rinchiuse dopo che iniziò l’incendio? Almeno dieci...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.