closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Militari e imprenditori voltano le spalle a Bolsonaro l’incapace

Brasile. La folle gestione del paese, dagli affari interni a quelli esteri, preoccupa anche chi aveva decretato la fortuna del presidente. Il mito sempre più isolato, attorniato solo dai suoi fedelissimi incapaci e dai figli indagati. Bolsonaro non durerà ancora a lungo, resta da capire solo come uscirà di scena

Brasilia, Bolsonaro tra il vicepresidente Mourao e l’allora ministro della Difesa Azevedo

Brasilia, Bolsonaro tra il vicepresidente Mourao e l’allora ministro della Difesa Azevedo

In Brasile si dice che Brasil não é por principiantes ed effettivamente il rocambolesco panorama politico attuale sembra superare di gran lunga la sceneggiatura della migliore telenovela brasiliana. Un puzzle di 1500 pezzi monocromatici a volte interrotto da alcuni strategici deliri presidenziali funzionali a sviare l’attenzione dal clima complottista, o quantomeno torbido, della politica da ormai un anno. Iniziamo dal 31 marzo, giorno in cui il presidente Bolsonaro decreta la celebrazione del colpo di stato, avvenuto il 31 marzo 1964. La proposta è bocciata dal Congresso e il presidente grida «Si tratta di stalinismo! Vogliono cancellare un fatto storico». Gli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi