closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Militari e caschi blu nel mirino, 10 morti in Mali

Jihad africana. Aumentano gli attacchi nella regione centrale del paese, forse in risposta all'avanzamento del progetto G5 Sahel. A Mopti due esplosioni in meno di 48 ore colpiscono l'esercito regolare e la missione Minusma

La ministra della Difesa Florence Parly rende omaggio ai feretri dei due soldati francesi uccisi lo scorso 21 febbraio in Mali

La ministra della Difesa Florence Parly rende omaggio ai feretri dei due soldati francesi uccisi lo scorso 21 febbraio in Mali

Mentre il governo del Mali cerca di stringere i tempi per implementare il G5 Sahel e nelle stesse ore in cui emergono i particolari di una visita ultradiscreta del presidente Keïta al suo omologo francese Macron, la guerriglia jihadista ancora attiva nel paese africano batte più colpi. In 48 ore 6 militari maliani e 4 caschi blu del Bangladesh sono rimasti uccisi nella regione di Mopti. In due attentati distinti, ma con modalità analoghe e ricorrenti: ordigni rudimentali che esplodono al passaggio dei convogli militari "stranieri". Lo scorso 21 febbraio anche due soldati francesi sono morti così, alla periferia di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi