closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Milazzo, incendio alla raffineria Eni, fuga nella notte

Cede il tetto del serbatoio. I cittadini scappano, immesse nell'atmosfera sostanze cancerogene. Ancora incalcolabile l'entità del danno

I cittadini sono scappati in piena notte, di fronte alle fiamme alte centinaia di metri, con una nube nera che si addensava. In fiamme, la raffineria di Milazzo di Eni-Q8. Fortunatamente non ci sono state vittime o feriti, ma molta paura per eventuali danni all’ambiente e alla salute. Secondo il leader dei Verdi Angelo Bonelli si è verificata l’immissione nell’atmosfera di «sostanze tossiche e altamente cancerogene per le persone come Ipa, biossido di azoto, metalli pesanti, benzoapirene, diossine, pcb, benzene». L’incendio è divampato poco prima dell’una di venerdì e per spegnere le fiamme ci sono volute dieci ore. A scatenare...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.