closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Mike Oldfield, l’alchimista sonnambulo

Note sparse. Viene pubblicato per la Broadcast archive un box con tre concerti tenuti dall'autore dello storico "Tubular Bells" nel 1973, 1980 e 1993

Mike Oldfield

Mike Oldfield

Dopo aver ottenuto un inatteso e straordinario successo con il disco strumentale in due parti Tubular Bells (’73), un flusso di melodie di matrice rock, folk e neoclassica che si intersecano e si perdono l’una nell’altra con un arcano, intimo equilibrio, il musicista e compositore inglese Mike Oldfield, che vi ha suonato quasi tutti gli strumenti, sceglie di proseguire sulla strada neosinfonica, ma cambiando direzione. Hergest Ridge (’74) e Ommadawn (’75), il primo più pastorale, sereno, medievaleggiante, il secondo più burrascoso, sono album prog basati più sull’emotività e sulla poesia dei suoni che non sul virtuosismo, e anticipano in qualche...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.