closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

L’inferno terrestre degli schiavi di Campobello

Sicilia. Arrivati per la raccolta delle olive, mille e duecento immigrati africani sono rimasti intrappolati nel trapanese per mancanza di lavoro. E i pochi che riescono a guadagnarsi la giornata vengono pagati solo due euro l’ora dai caporali. Nel silenzio delle istituzioni siciliane, che non sanno cosa fare

Migranti accampati alla meglio nelle campagne di Capobello di Mazara, in provincia di Trapani, senza acqua né luce

Migranti accampati alla meglio nelle campagne di Capobello di Mazara, in provincia di Trapani, senza acqua né luce

Visto da lontano il campo sembra una gigantesca discarica a cielo aperto. E l’odore, nauseabondo, che si trascina per centinaia di metri fino alla strada che porta in città, sembra confermare la prima impressione.  Man mano che ci si avvicina la tendopoli, incastonata in una immensa distesa verde scuro di alberi d’ulivo, inizia a prendere forma. In effetti la spazzatura c’è, disseminata su tutto il perimetro dell’area: residui alimentari, bottiglie e sacchetti di plastica, galleggiano nelle pozzanghere infestate dagli insetti - ha piovuto molto nelle ultime settimane. E quelli che da lontano sembravano dei cassonetti dell’immondizia, sono in realtà delle...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.