closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Metti uno stencil alla Mecca

Reportage. A Gedda, nell'ultraconservatore regno saudita, l'arte contemporanea riserva molte sorprese

Nello studio di  Sarah  Mohanna Al Abdali, Gedda

Nello studio di Sarah Mohanna Al Abdali, Gedda

I colori del cielo venato di rosso e le voci dei muezzin, che si rincorrono nell’invitare i fedeli alla preghiera del tramonto (salat al-maghrib). Dalla terrazza dell’antica Nassif House, nel cuore del Balad (la città vecchia di Gedda patrimonio Unesco) la percezione visiva incontra quella sonora, portando con sé una sensazione di grande pace interiore. Sarà pure il momento, ma è proprio così mentre il vento fresco gonfia l’abaya nera che, per legge, devono indossare tutte le donne (le saudite con il capo coperto), lasciando svolazzare anche il tessuto del tradizionale copricapo maschile (ghutra). La forza della tradizione è inconfutabile...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi