closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Messaggio per Vik: «Ci aiuti a costruire un futuro di libertà, quello che volevi tu»

Gaza. Zakarya Bekr, portavoce dei pescatori di Gaza: «Vittorio ha scelto di vivere con noi tutti i problemi e le privazioni di questa terra»

Vittorio a bordo di una barca dei pescatori di Gaza

Vittorio a bordo di una barca dei pescatori di Gaza

Gli amici di Vittorio Arrigoni oggi si vedranno a Beit Lahiya, al parco sportivo che sta allestendo il progetto Green Hopes per le comunità di Al Nada, Al Isba and Al Awda. «È stata una scelta obbligata, volevamo riunirci al porto come abbiamo fatto per nove anni ma è chiuso per le misure anti-Covid e abbiamo scelto questo sito che per noi è un simbolo di speranza», ci dice Meri Calvelli, della ong Acs e direttrice del Centro di scambio culturale italo-palestinese inaugurato a Gaza city nel 2011 e che porta il nome di Vittorio. «Verranno tutti lì. Ci saranno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi