closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Mercenari amorali»: Apple fa causa ai creatori di Pegasus

Sorveglianza. Pagamento dei danni e interdizione dai prodotti della mela per la società israeliana Nso. Oltre 50 governi grazie allo spyware hanno preso di mira attivisti, giornalisti avvocati e dissidenti

La sede della compagnia Nso nella città israeliana di Sapir

La sede della compagnia Nso nella città israeliana di Sapir

«I querelati sono dei famigerati hacker - amorali mercenari del 21esimo secolo, creatori di un meccanismo di sorveglianza altamente sofisticato che consente violazioni clamorose e abitudinarie». Così si apre la causa legale intentata martedì da Apple a Nso, la società israeliana produttrice dello spyware Pegasus, da poco finita sulla lista nera del Dipartimento del commercio Usa per aver venduto a oltre 50 paesi (tra cui l’Arabia Saudita) la tecnologia necessaria per sorvegliare e reprimere attivisti, giornalisti, avvocati per i diritti umani - perfino dei nutrizionisti messicani che si battevano per una tassa sulle bevande gassate. NELLA CAUSA portata davanti a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.