closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Meno detenuti, stessi problemi

Carceri. Il rapporto di Antigone: 52 mila detenuti, 16 mila in meno rispetto al 2014. Ma è ancora alto il ricorso alla carcerazione preventiva. E negli istituti mancano gli operatori sociali

Era il luglio del 2010 quando l’Italia fu condannata dalla Corte europea dei diritti umani per il trattamento disumano riservato al signor Soulemanovic che viveva in meno di tre metri quadri nel carcere romano di Rebibbia. A quel tempo i detenuti avevano raggiunto il numero record di 68.258 unità. Il tasso di sovraffollamento raggiungeva i vertici nella classifica europea. Un primato vergognoso. Alla prima sentenza ne seguì una seconda questa volta ben più significativa per gli effetti avuti sul sistema penitenziario italiano. Nel caso Torreggiani la Corte di Strasburgo non si limitò a condannare l’Italia che costringeva i ricorrenti a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.