closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Melusina e le altre donne-serpente, erotismo e poteri magici

Saggi di comparatistica. Ištar, la dea mesopotamica dai piedi d’anatra; l’egiziana Hathor; le indiane Apsarasah; e poi Olimpia, Medusa, Eva, e la medievale Melusina: un’indagine di Carlo Donà per i tipi di Write UpSite

Melusine fa il bagno, da Melusine di Thüring  von Ringoltingen, 1468, Norimberga, Germanisches Nationalmuseum

Melusine fa il bagno, da Melusine di Thüring von Ringoltingen, 1468, Norimberga, Germanisches Nationalmuseum

Caduto in disgrazia a corte, povero e afflitto, un giovane cavaliere, il suo nome è Lanval, vaga nella foresta in preda a cupi pensieri, improvvisamente gli appare una bellissima fanciulla, che gli promette grandi ricchezze e gli offre il suo amore. Il loro legame dovrà però restare segreto – così continua la storia in questo incantevole lai di Maria di Francia – perché lei viene dall’altro mondo: è una fata. Non tutte le fate sono così luminosamente generose, così benevole, la loro natura può nascondere pieghe inquietanti, legami con forze oscure, brama di potere, pensieri di morte. A decifrare questo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi