closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Meglio l’Ema che le piccole patrie

Secondo il governo Draghi, la sospensione del vaccino AstraZeneca deciso in una dozzina di paesi europei è il risultato di una «coordinazione». In realtà, più che di uno stop concertato si è trattato della somma di tante singole decisioni dettate da interessi diversi. A convincere Merkel erano stati soprattutto i medici del Paul-Ehrlich-Institut. In Italia hanno pesato i media e l’azione della magistratura, oltre che l'influenza della Germania. La Francia, in cui non era stata segnalata alcuna trombosi sospetta, deve fare i conti con un crescente movimento no-vax. Non a caso il riavvio delle somministrazioni avverrà in ordine sparso. L’Italia,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.