closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

McDonald’s costretto a reintegrare due delegate sindacali

Fast food. Milano, erano state licenziate dopo aver scioperato: "Per loro non c'è più posto". Ma il giudice dà torto alla multinazionale. Cgil: "L'azienda può ricollocare tranquillamente, infatti continua a fare assunzioni e usa molti voucher"

Una lavoratrice di McDonald's

Una lavoratrice di McDonald's

Erano state licenziate dopo aver partecipato a uno sciopero, e non da un’azienda qualsiasi: si tratta del colosso multinazionale del panino, la McDonald’s. Peraltro, la vicenda si è svolta in un locale storico di Milano, quello di San Babila. Il tribunale del lavoro del capoluogo lombardo ha accolto il ricorso promosso da Filcams, Fisascat e Uiltucs, e così due lavoratrici - tra l’altro delegate sindacali di Cgil e Uil - sono state reintegrate. I dipendenti di McDonald’s avevano scioperato nel maggio scorso per il rinnovo del contratto nazionale della ristorazione, con la modalità dell’astensione "selvaggia", ovvero non annunciata precedentemente. Lo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi