closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Maxi-multa Usa per Bnp Paribas

Finanza internazionale . Quasi 9 milioni di dollari di ammenda alla più grande banca francese per aver rotto l'embargo americano con Iran Sudan e Cuba tra il 2002 e il 2009. Per un anno anche sospensione dell'accesso alla compensazione in dollari presso la Fed. Ma Bnp Paribas evita l'esclusione dal mercato Usa che avrebbe portato al fallimento dell'istituto. L'amministrazione Usa è severa a pochi mesi dalle elezioni di mid-term, per sfuggire all'accusa di lassismo verso le banche responsabili della crisi dei subprime

Una multa record contro una banca straniera, con un sottofondo molto politico: a pochi mesi dal voto di mid-term, l’amministrazione Usa vuole mostrare di avere la mano dura ai cittadini americani, che pensano che le banche non siano state abbastanza punite per la crisi dei subprimes. Bnp Paribas, prima banca francese e una delle banche “sistemiche” europee, dovrà pagare una multa di 8,9 miliardi di dollari (6 miliardi di euro) negli Usa, un montante che si spartiranno il dipartimento della Giustizia, l’Office of Foreign Assets Control, il dipartimento del Tesoro, la Federal Reserve e il regolatore bancario di New York....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.