closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Mathieu Amalric e il gioco sottile dell’immaginazione

Cannes 74. Il melò si sovrappone al road movie nel nuovo e intrigante lavoro dell’attore e regista francese dal titolo «Serre-moi fort» presentato a Cannes Prémiere

Vicky Krieps in «Serre-moi fort» di Matthieu Amalric

Vicky Krieps in «Serre-moi fort» di Matthieu Amalric

Con un lunghissimo applauso il pubblico ha ricompensato Mathieu Amalric e il cast del suo nuovo film. Serre-moi fort (alla lettera, stringimi forte) è in programma nella sezione « Cannes première », ma non pochi avrebbero voluto che competesse per la palma d’oro. Si tratta di un mélo. E come in Drive my Car (capolavoro in concorso del giapponese Hamagushi, e di cui parleremo a breve), al centro del film, a dare il ritmo e direzione alla narrazione, c’è una vecchia coupé che il protagonista, in questo caso una donna di nome Clarisse (Vicky Krieps) che ha perso il marito...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.