closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Materiali linguistici per varianti del sensibile

Poeti italiani. Oggetti circondati da un’aura onirica e meditazioni fantastiche in «Fatti vivo» di Chandra Livia Candiani per Einaudi. Odissee del desiderio in«Altreamorose» di Luigi Trucillo per Quodlibet

In un’epoca in cui il rumore e l’esteriorità sono modi d’essere e d’agire, la lingua della poesia ospita il silenzio, protegge il nascosto, difende l’invisibile. Dinanzi al già detto, al convenzionale, al senso comune, la poesia esplora forme di una lingua nuova e fa dell’immaginazione il suo abito, il suo stesso respiro. Lingua intensiva, che annoda il senso al suono, la poesia è memoria di presenze, costruzione di un nuovo tempo che sottrae all’oblio accadimenti e percezioni e presenze. Accoglie tutto l’arco dell’umano sentire, dal dolore al sogno, dall’angustia della finitudine alla libertà dell’invenzione. Per questo è in ascolto di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.