closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Massacro di civili a Palmira

Siria. Lo Stato Islamico ha ucciso oltre 400 persone, dice la tv di Stato siriana. Assad bombarda la città. Yemen, sospesa a tempo indeterminato la conferenza di pace Onu dopo il no del governo Hadi

Lo Stato Islamico a Raqqa, in Siria

Lo Stato Islamico a Raqqa, in Siria

Un massacro: se le notizie che giungono da Palmira saranno confermate, quanto successo nel più noto sito archeologico siriano può essere definito una delle stragi più barbare compiute dallo Stato Islamico in un anno di califfato. Oltre 400 morti, per lo più donne e bambini: questa la punizione inflitta ad una popolazione stremata che, in parte, aveva accolto l’arrivo dei miliziani islamisti nella città nuova, Tadmur, nata intorno al sito patrimonio dell’Unesco. Video pubblicati nei giorni scorsi mostrano gruppi di uomini che abbracciano i jihadisti entrati vittoriosi nella comunità, strappata al diretto controllo del governo di Damasco. Per paura, forse:...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.