closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Mas ora parla come Iglesias, ma per la Cup è impresentabile

Catalogna. I giudici di Madrid come previsto "sospendono" l’indipendenza. A Barcellona, dopo la bocciatura di lunedì, oggi si rivota per eleggere il «President» del nuovo governo

Artur Mas

Artur Mas

La questione catalana occupa ormai saldamente il centro del dibattito e rischia di soffocare qualsiasi altro tema di discussione da qui al giorno delle elezioni generali il 20 dicembre. Per la verità, gli eventi che si susseguono non sono neanche più notizia per la loro prevedibilità. Lunedì la maggioranza indipendentista del Parlament catalano, formata dal Junts pel Sí (coalizione che unisce partiti di centrodestra e centrosinistra) e il movimento anticapitalista e femminista della Cup, ha approvato la risoluzione in nove punti che dà inizio al “processo costituente cittadino, partecipativo, aperto, integratore e attivo” che apre la strada a una repubblica...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi