closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Marzabotto: Europa senza memoria

29 settembre 1944. 75 anni fa i nazisti iniziavano la più efferata strage di civili compiuta in Europa: 266 bambini tra le centinaia di vittime. Il Comune e la Sindaca: «Il documento di Bruxelles gravemente lesivo della lezione storica consolidata»

La lapide  di Marzabotto  con i nomi  e le foto di molte vittime  della strage,  che furono  oltre 800,  tra bambini,  donne, anziani

La lapide di Marzabotto con i nomi e le foto di molte vittime della strage, che furono oltre 800, tra bambini, donne, anziani

Sono i giorni della memoria dell’eccidio nazifascista di centinaia di uomini donne e bambini - oltre 800 - iniziato alle 4 di mattina del 29 settembre 1944. Dal 12 agosto, dalla Versilia, il 16° Panzergrenadier SS “Reichsfuhrer” al comando di Walter Reder, aveva iniziato quella «marcia della morte» che seminerà di stragi l’Italia dal Tirreno all’Adriatico lungo la Linea Gotica, lasciando dietro di sé, come aveva ordinato Kesserling, «terra bruciata». Il 29 settembre Reder era entrato in Emilia e con migliaia di SS aveva risalito le pendici di Monte Sole: casa per casa, fienile, stalla. Sette giorni senza interruzione, fuoco...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.