closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Marvin Gaye, icona sexy che cambiò la black music

Note sparse. Esce «Volume Two», un box contenente 8 album incisi fra il 1966 e il 1970, lavori fondamentali nella maturazione di una delle figure portanti del soul

Quando fu pubblicato Moods of Marvin Gaye nel maggio del 1966, lui non aveva ancora svelato tutte le sue carte migliori. Solo alcune. Tutti ricordano Marvin Gaye come il cantante dal timbro inconfondibile, il falsetto penetrante, bello, nero, alto, ingombrante perché la sua storia è costellata di depressioni ed eccessi. Primitivo e sofisticato allo stesso tempo, capace di flirtare come pochi con il pop adolescenziale, senza banalizzare. In realtà Gaye è stato molto di più. Un produttore, un arrangiatore, un fine intenditore di tutto l’universo soul e R&B. In effetti la sua naturale capacità mimica, la prestanza fisica, l’abilità di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.