closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Martin Scorsese, l’esperienza della sala rimpiazzata da piattaforme e algoritmi

Cinema. Un saggio del regista su «Harper's Magazine»

Nel tempo che stiamo vivendo «l’arte del cinema sta venendo sistematicamente svalutata, messa ai margini, sminuita, e ridotta al suo minimo comun denominatore, il 'contenuto'». Le parole di Martin Scorsese – in un saggio per «Harper’s Magazine» – sono dure ma soprattutto malinconiche e nostalgiche quando affronta l’ascesa delle piattaforme che hanno rimpiazzato l’esperienza cinematografica - ridotta a «visione domestica» - «come Amazon ha fatto con i negozi fisici». L’occasione è un saggio scritto per la rivista americana su Federico Fellini – intitolato Il Maestro – di cui si è celebrato l’anno scorso il centennale della nascita. «Fino a 15...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.