closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Martello: «I corpi in mare di quelle persone vanno recuperati»

Lampedusa. I cadaveri di nove migranti annegati il 30 giugno scorso sono ancora in fondo al mare

Il relitto individuato l'8 luglio scorso

Il relitto individuato l'8 luglio scorso

«Se qualcuno è andato a controllare che i corpi fossero là, adesso deve andare a recuperarli. A cosa serve guardare? Le persone non possono essere lasciate in fondo al mare», è perentorio il tono del sindaco di Lampedusa e Linosa Salvatore Martello. Lamenta di non essere stato avvisato dell’operazione di ricerca dei resti dei dispersi del naufragio del 30 giugno scorso. In quella strage hanno perso la vita 16 persone. Viaggiavano in 60 su una barca che si è ribaltata a cinque miglia dalla costa, poco prima di essere soccorsa dagli uomini della Capitaneria di porto. I corpi di sette...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.