closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Caso Marielle Franco, Bolsonaro si rimette in pista

Brasile. Colpo di scena nell'inchiesta sull'assassinio dell’attivista: è lo stesso presidente a confessare di aver ostacolato le indagini, impossessandosi di importanti registrazioni audio: «Temevo possibili contraffazioni»

San Paolo, 1 novembre 2019. Un cartello contro Eduardo Bolsonaro, uno dei figli del presidente, in un corteo che ha segnato i 600 giorni dall'uccisione di Marielle Franco

San Paolo, 1 novembre 2019. Un cartello contro Eduardo Bolsonaro, uno dei figli del presidente, in un corteo che ha segnato i 600 giorni dall'uccisione di Marielle Franco

Il caso dell'omicidio di Marielle Franco non sembra proprio dare tregua al clan Bolsonaro. A complicare ulteriormente la vicenda dei legami della famiglia con le milizie sospettate del crimine spunta ora anche l'accusa al presidente di ostruzione alla giustizia. Tutto è iniziato con la deposizione del portiere del condominio Vivendas da Barra - lo stesso in cui Bolsonaro viveva a Rio de Janeiro con il figlio Carlos -, in base cui, poche ore prima del crimine, l'ex poliziotto Élcio Queiroz, sospettato di aver guidato l'auto da cui sarebbero partiti gli spari contro Marielle e il suo autista, avrebbe fatto ingresso...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.