closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Lavoro

Marchionne, è tutto uno sciopero

Fiat. Prima lo stop della Fiom alla Maserati, poi si fermano i «sindacati del sì». L’azienda: «È irrazionale»

Sergio Marchionne abbraccia gli operai di Pomigliano: sorrisi di bei tempi andati?

Sergio Marchionne abbraccia gli operai di Pomigliano: sorrisi di bei tempi andati?

Non c’è pace in questa Fiat. Se all’ad delle meraviglie, Sergio Marchionne, sta riuscendo perfettamente l’operazione di fusione tra Fiat e Chrysler – perfezionata proprio in questi giorni, con un ricasco di vantaggiosissimi regimi proprietari e fiscali grazie alla nuova sede olandese – il rapporto con i sindacati invece proprio non va. E non solo con la «bestia nera» Fiom – che è quasi scontato – ma anche con i ben più malleabili "sindacati del sì", l’arco di sigle che va dalla Fim all’Ugl, e che questa volta il contratto non gliel’ha firmato. Anzi, ha indetto uno sciopero. Protesta –...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi