closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Marche, Abruzzo e Umbria fanno guerra ai diritti

Aborto. Protesta davanti ai consultori dell’Unione donne in Italia, con il supporto della Cgil

Protesta di Non una di meno

Protesta di Non una di meno

La chiamata torinese alla mobilitazione contro l’ingresso delle associazioni cattoliche nei consultori ha trovato risposta là dove più che altrove il problema appare grave: nelle regioni del centro Italia ormai quasi completamente in mano alla destra: l’Umbria, le Marche e l’Abruzzo, la prima guidata dalla Lega e le altre due da Fratelli d’Italia. Il partito di Matteo Salvini, peraltro, in tutte e tre queste regioni esprime l’assessore alla Sanità, con tutto quello che ne consegue. La giornata di ieri è cominciata con dei presidi dell’Udi (Unione donne in Italia), con il supporto della Cgil, davanti ai consultori di Perugia, Terni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi